5
1
2
3
4
6
7

La Gazzetta

Per restare sempre aggiornati
sulle nostre novità!

CGD_rocce_quadrato-gazzetta_1
CGD_rocce_quadrato-gazzetta_2

La Gazzetta è (per ora) un luogo virtuale di notizie reali su ciò che accade ogni giorno nel Cantiere, sulle ultime novità dei nostri partner e sui progetti di design che riflettono le nostre passioni e i nostri interessi. Se vuoi partecipare ai nostri eventi non perderti nessun post e seguici sui nostri social.

-
Eventi

I Coinquilini

Lia by Zanotta, una "signora" sedia.
cantiere-galli-design-LIA-zanotta-i-coinquilini-1

Vi presentiamo la nuova rubrica “I Coinquilini” dedicata al mondo dell’arredo.
Cantiere Galli Design amplia il servizio offerto ai progettisti attraverso la consulenza e la vendita dell’arredo. E’ una scelta che nasce dalla volontà, ormai consolidata, di curare il progetto a trecentosessanta gradi, di supportare il progettista nella scelta accurata e nella selezione dell’arredamento, parte integrante ed estremamente significativa del più ampio progetto di architettura.

Oggi vi parliamo della sedia “ Lia” di Zanotta.

La sedia Lia è uno dei più significativi esempi di design d’approccio modernista per la straordinaria sobrietà, essenzialità e funzionalità. Disegnata nel 1998 per Zanotta da Roberto Barbieri, architetto, designer e soprattutto amico e collaboratore del fondatore dell’azienda Aurelio Zanotta.
Barbieri è una delle figure che hanno reso il catalogo Zanotta attuale ed apprezzato nel mondo.

“La sua sensibilità, la sua disponibilità, la sua serietà e la sua preparazione professionale, e soprattutto la grande umanità che lo contraddistingueva sono il ricordo più bello che conserverò».
Eleonora Zanotta

Il successo della Lia, e della serie di sedie disegnate da Roberto Barbieri,sta nella concezione innovativa della sua ricerca. Nello specifico la sua principale caratteristica sta nell’uso avanzato della pressofusione: il fianco della sedia è realizzato con un unico elemento in lega di alluminio che incorpora contemporaneamente la gamba anteriore, quella posteriore e lo schienale.

Barbieri ha saputo sapientemente coniugare l’innovazione tecnologica del materiale con una forma minimale, facilmente adattabile a qualsiasi ambiente e stile. Diceva di partire sempre dall’osservazione della Thonet n. 14, un modello/certezza da cui trarre ispirazione e da cui sperimentare le nuove possibilità.
Lia rappresenta l’essenza della sedia, un arredo semplice dove la semplicità non è semplificazione ma un processo di decontaminazione.

La struttura è in alluminio lucidato o verniciato di nero, grafite o bianco. L’imbottitura è in poliuretano e può essere ricoperta di un rivestimento sfilabile in pelle o tessuto oppure non sfilabile in cuoio. Esistono due varianti, la 2086 e la 2087 che differiscono solo per la larghezza della seduta.

A richiesta viene fornita una fodera coprisedia in tessuto 100% cotone colore bianco, da calzare senza fissare; disponibile in due versioni: quella corta che ricopre sedile e schienale o la lunga che ricopre anche le gambe. Sempre su richiesta è disponibile anche la poltroncina con braccioli.

Lia è una coinquilina di grande compagnia!