5
1
2
3
4
6
7

La Gazzetta

Per restare sempre aggiornati
sulle nostre novità!

CGD_rocce_quadrato-gazzetta_1
CGD_rocce_quadrato-gazzetta_2

La Gazzetta è (per ora) un luogo virtuale di notizie reali su ciò che accade ogni giorno nel Cantiere, sulle ultime novità dei nostri partner e sui progetti di design che riflettono le nostre passioni e i nostri interessi. Se vuoi partecipare ai nostri eventi non perderti nessun post e seguici sui nostri social.

-
Eventi

I cotti della Fornace De Martino

cotti Fornace De Martino

In una piccola frazione di Salerno, Rufoli di Ogliara, la famiglia De Martino dal 1479 si dedica alla produzione del cotto. Da più di cinquecento anni nella Fornace De Martino si lavorano le stesse argille con le tecniche di una volta.
Un atto notarile, conservato nella Badia Benedettina di Cava dè Tirreni, ne prova l’origine lontana nel tempo, fatta di manualità e tecniche artigianali tramandate da generazioni.

Ancora oggi, visitando la Fornace, i passaggi della produzione sono gli stessi che si compiono da secoli: la formatura, la cottura e la riquadratura. E’ un processo fatto di gestualità che danno vita ad un prodotto ricco di storia, in grado di portare un’esperienza antica anche nei contesti più contemporanei.

Dopo tutte le rigorose fasi manuali di impasto e formatura, il prodotto arriva in fornace, è li che si vive l’esperienza mistica e religiosa della cottura. Tutto il lavoro svolto fino a quel momento viene qui “rimesso nelle mani di Dio”. La fornace viene chiusa e “benedetta” imprimendo una croce sul cemento della porta appena murata, sorvegliata dall’immagine sacra che sovrasta l’ingresso.

Solo a cottura completata, che avrà durata diversa a seconda del tipo di legna dei fasci, si avrà la sorpresa del materiale finito, ogni volta sempre diverso.

Il cotto della Fornace De Martino è un materiale nobile, senza tempo, presente nei palazzi antichi di Roma come Villa Doria Pamphilj e in ambiti moderni come il lussuoso boutique hotel Bryant Park Hotel di New York. Tre sono i prodotti della Fornace:

Il Cotto Classico è realizzato con un impasto composto interamente di argilla che conferisce alla mattonella il tipico colore della terracotta. Si distingue per la superficie un po’ ondulata e per le “fiammate” di cottura che vedono il colore della superficie alternarsi tra calde gradazioni di rosso e giallo.

Il Cotto Colorato in pasta è ottenuto mescolando all’impasto di argilla gli ossidi e i coloranti per ottenere il colore scelto. La possibilità di personalizzazione è massima, su richiesta possono essere provate e realizzate le colorazioni scelte nel progetto.

Il Cotto Decorato è una “riggiola”, termine napoletano per indicare la tipica mattonella in ceramica smaltata e decorata a mano secondo la tradizione Campana. Per verificare la riuscita ella cottura di questo tipo di cotto, ogni mattonella viene “suonata”, se il suono è cristallino la mattonella è integra e può essere tagliata con la “martellina” e una pietra.

La tradizione italiana ci riserva sempre tante emozionanti sorprese.